Canzoni

Canticchiando vo’ cantando
Canzonette in dialetto,
Filastrocche e senètte
Pe tenè la capafrèscke.

Il tema per questa categoria è dedicato alla canzone dialettale barese. Abbiamo la documentazione, attraverso il quotidiano «Corriere delle Puglie» (oggi «La Gazzetta del Mezzogiorno») che nella città di Bari, nel maggio 1910 si decise di organizzare il primo «festival» della canzone barese. Un concorso senza pretese, ma l’iniziativa, voluta dal «Corriere delle Puglie» spiegando che pur non avendo la pretesa di rivaleggiare con la titolata piedigrotta napoletana aveva l’apprezzabile scopo di creare la canzone locale con tipici versi e musica originale scevri da ogni imitazione di generi già noti. L’obiettivo degli organizzatori del «Corriere» fu semplicemente di offrire un’ora di divertimento al popolo, se non d’entusiasmo, di genia curiosità. La proposta del «Corriere delle Puglie» fu di chiamare la manifestazione «Canzoni popolari per la notte di San Giovanni».
Ecco allora il «Corriere» bandire un concorso per canzoni dialettali baresi, musicate. Una lodevole iniziativa spronando poeti locali a scrivere versi e avere la soddisfazione di essere musicati dai noti compositori del tempo e renderli noti al pubblico in una manifestazione importante come quella della Vigilia di San Giovanni (23 giugno).
Per curiosità ecco il primo regolamento del bando di concorso:

1) È indetto un concorso per canzoni dialettali baresi musicate.
2) Alla musica delle tre migliori canzoni saranno assegnate un 1° premio di £ 100; un 2° di £ 60 ed un 3° di £ 40.
3) Le canzoni, parole e musica, contrassegnate dagli autori, da un motto o da uno pseudonimo dovranno essere inviate alla redazione del Corriere delle Puglie non più tardi del 12 giugno prossimo.
4) Una giuria composta dai maestri di musica: Pasquale La RotellaGiuseppe CapuanaAugusto Cerri e Nicola Cassano(direttore del giornale organizzatore), procederanno ad uno scrupoloso esame dei lavori pervenuti, indicando quelli che riterranno degni di pubblicazioni.
5) Le canzoni prescelte, oltre ad essere pubblicate in un numero unico che vedrà la luce in occasione di S. Giovanni, verranno cantate da provetti artisti nel Kursaal Cinema Concerto Posillipo,  nella notte di S. Giovanni, cioè dal 23 al 24 giugno, e verranno ripetute nelle sere seguenti fino al 29 dello stesso mese.
6) L’assegnazione dei premi verrà determinata a seconda del successo di ciascuna canzone; in modo che i tre lavori maggiormente applauditi saranno dichiarati vincitori del concorso, ed il giorno 30 giugno gli autori di essi, secondo la classifica che sarà pubblicata a suo tempo, potranno ritirare i premi dell’amministrazione del Corriere.
7) Le canzoni pubblicate, parole e musica, resteranno di proprietà dell’impresa del Kursaal Cinema Concerto Posillipo.

Numerosi furono gli iscritti. Il concorso che doveva essere chiuso il 12 giugno, fu prorogato fino al 26 dello stesso mese per accettare molti altri lavori pervenuti in ritardo e, quindi, le tre serate finali della manifestazione che davano i primi tre vincitori di questa prima esclusiva della canzone dialettale barese si spostò dall’undici al tredici luglio.
La giuria scelse diciassette canzoni che parteciparono alle tre serate nel soprascritto Kursaal Cinema Concerto Posillipo, un ritrovo estivo posto a destra dell’inizio di Corso Venezia e prospiciente al mare. Dopo le tre serate di partecipazione, risultò la prima classificata la canzone: “Amar’a mmè!” del futuro operista barese Pasquale Di Cagno. Ecco un cenno della canzone.
Te sì scherdàte / Acquànne me chiamàve: / U zuccarìidde mì, la palemèdde? / Te sì scherdàte / Acquànne me vasàve / E mme decìve: / BBèdde, bbèdde bbèdde? / E mmò, e mmò, / Percè tutt’è fernùte? / Addì…Amar’a mmè, te sò perdùte!
Al secondo posto si piazzò il brano “Abbandenàte”, musicata da Bernardino Rotondo, futuro direttore d’orchestra e docente del Conservatorio «Piccinni». Non sono riuscito a trovare lo spartito della canzone.
Al terzo fu premiato “Stornelli Baresi”, del maestro Michele Bellomo-Buonvino, collaboratore della Casa Musicale Ricordi di Milano.
Acquànne tu me cande de despìitte / Chendènde se demòstre u core mì; / Iì sacce ca tìine achiùse m-bbìitte; / Iì sacce ca tu sìnde gelosì. / Cande, cande, cande, a lariulì / cande, cande, cande, a lariulà / U cande nom me pote, ndespettì / Iè bbuène, forte e bbèdde u nìnne mì…
Altre canzoni meritevoli di un posto d’onore furono: “Sott’o u-àrche de Dè Gèmmis” (ben riuscita aria popolare, tarantella tipica barese dal vero), cantata dal tenore N. Liguori; “Mariùcce” (canzonetta appassionata, vivace e delicatissima), versi di Gisù Marì (pseudonimo) musica di N’am’amà (motto); “Canzòna termendòse” (magnifica romanza), versi e musica del poetaAntonio Nitti (pseudonimo, Ergo); “Serenàte” (deliziosa), versi e musica di Antonio Nitti (pseudonimo, Ergo).
Altri brani in dialetto che furono oggetto d’attenzione, per la giuria furono: “Pasquarèdde” (tarantella), versi di G. Zero, musica di N. Elios; “Sì sckattòse”, versi e musica di Antonio Nitti, (pseudonimo, Ergo); “Palmetèdde”, versi di Zazà, musica di Zanobi Ravaeo; “Me vogghe nzerà (canzonetta eccentrica), versi e musica di Gaetano Granieri (pseudonimo, Girasole; poeta dialettale); “Serenàte a Rosìne”, versi e musica di Etranger (pseudonimo); “Tarèse”, versi di G. Parade, musica di E. Ceccarello.
I versi che ho recuperato per intero e che ho scelto per questa prima pagina riservata alla canzone dialettale s’intitola “Serenàte” del poeta e foclorista barese Antonio Nitti di Vito, cantata dal tenore Gaetano Ruberti.

Serenàte

Ndramèndre tu dìirme – nu sènne chendènde
Nu cande d’amòre – Te stoggh’a candà.
Na stèdde do cìile – me uàrde e stà ssènde
U cande d’amòre – candàte pe ttè!
Tu dìirme e stà sunne
De bbène na vite
D’amòre nu nite
Nu nìnne a candà.

Nu grìdde stà ccande – nu cande a despìitte,
Iì mbèsce te digghe – nu cande d’amòre:
Sta vosce, sta vite – ca m’èsse da m-bbìitte
Iè ccande d’amòre – candàte pe ttè!
Tu dìirme e stà sunne
De chiàte na case
D’amòre nu vase
Nu nìnne a candà.
Iè ttutte sprefùme – sta notte de masce:
La lune p’u cìile – se mostre e schembàre
Ndramènze a l’addùre – ndramènze a rasce
Nu cande d’amòre – te stoggh’a candà!
Tu dìirme e stà sunne
De rose na cèste
De zìte na vèste
Nu nìnne a candà.

I titoli e le canzoni in dialetto sono stati trascritti con modello di scrittura dell’autorevole libro «Il Dialetto di Bari» (grammatica-scrittura-lettura) di Alfredo Giovine a cura di Felice Giovine e il corso di dialetto «La lèngua noste» (manuale per una scrittura unificata dell’idioma barese) di Gigi De Santis, rispettando  fonemi e fenomeni propri della parlata barese.

Foto: «Manifesto del primo concorso canoro “Canzoni Baresi”». Libro «C’era una volta Bari», Alfredo Giovine,  Edizioni Fratelli Laterza, Bari, 1982.

Bibliografia ed emerografia: Corriere delle Puglie «Le canzoni di San Giovanni», in «Corriere delle Puglie», Bari, 23/05/-15/06-11/07-15/11/1910; Antonio Nitti di Vito, «Serenàte», Libro, Liriche Dialettali Baresi, 2ª edizione, Gius. Laterza & Figli, Bari, 1928; Alfredo Giovine, «Piedigrotta Barese», Libro, C’era una volta Bari, Edizioni Fratelli Laterza, Bari, 1982; Alfredo Giovine, «Piedigrotta targata Bari», ne «La Gazzetta del Mezzogiorno», Bari, 30-05-1995; Liborio Lojacono, «Quando alla Piedigrotta barese il primo premio era di cento lire», ne «La Gazzetta del Mezzogiorno», Bari, 8-06-1998.

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto” – Bari